Camminare a New York sotto le mille luci del Natale, che sogno! Arianna è riuscita a realizzarlo, preparando le sue gambe con tanta cura. Anche tu, #ContaSulleTueGambe.

Non ci volevo credere finché non ho avuto i biglietti in mano. Finché mio marito Stefano non ha pronunciato quella frase attesa da una vita: “Arianna, preparati: per Natale andiamo a New York!”

 

Era il nostro sogno da sempre: una magica, fiabesca, romantica vacanza nella città più natalizia del mondo, a camminare sulla Fifth Avenue mano nella mano, con il fiato che diventa fumo, le vetrine decorate e le mille luci della città che si riflettono sull’asfalto.

 

Del resto… siamo tutti un po’ newyorkesi, sappiamo tutto di questa città favolosa da quando siamo ragazzini, attraverso i film, le immagini televisive, i dischi, i romanzi, persino i racconti di qualche parente emigrato in tempi non troppo lontani. Da Woody Allen a Sex and the City, passando per Friends o Colazione da Tiffany, non c’è città che sia stata celebrata in modo altrettanto potente e suggestivo. E volare a New York anche solo per qualche giorno, significa poter assaggiare un po’ del suo gusto inconfondibile e sentirsi parte di un eccitante microcosmo.

 

E così eccoci qui, finalmente New York!

 

Un tipico taxi newyorkese, “Yellow Cab”, ricoperto di neve. Che Natale a New York sarebbe, senza la neve 🙂 

 

Sono stati giorni di puro godimento

Nella nostra vacanza a New York non ci siamo fatti mancare nulla di ciò che un italiano innamorato della Grande Mela può sperare di fare e vedere nella città dei suoi sogni, nel momento in cui diventa davvero magica anche per i suoi abitanti: a Natale!

 

Manhattan si è rivelata un tripudio di luci, colori, eventi, mercatini, mostre e spettacoli di ogni tipo. L’albero decorato e illuminato a Rockefeller Plaza ci ha lasciati senza fiato, così come le vetrine delle vie dello shopping – dalla 34ma strada alla Fifth Avenue fino al quartiere glamour di Soho – per non parlare del fascino un po’ retrò del Greenwich Village con i suoi palazzi eleganti, i raffinati caffè e le caratteristiche scale antincendio che decorano le facciate delle case.

 

A Natale Manhattan si veste a festa: ecco una decorazione gigante al numero 1251 di Sixth Avenue.

 

E poi i musei, ah i musei! Solo MeT, Guggenheim e MoMa ci hanno stordito per la quantità e il valore delle opere che racchiudono e per la vastità degli ambienti. Altre istantanee che abbiamo portato a casa dal nostro viaggio sono state quella della pittoresca Little Italy addobbata a festa con tricolori ovunque (anche se ormai soffocata dalla vicina Chinatown) e quella della scalata dell’Empire State Building, dove ci siamo sentiti protagonisti del nostro “Amore splendido” come Cary Grant e Deborah Kerr.

 

Abbiamo percorso buona parte dei 341 ettari del Central Park per ammirare la sua imponenza, i suoi deliziosi angolini nascosti e per dar da mangiare agli scoiattoli, e non ci siamo nemmeno fatti mancare due piroette con i pattini sul Wallman Rink ghiacciato.

 

Un posto a New York che mi è particolarmente piaciuto è stato la High Line: un vecchissimo tratto di ferrovia sopraelevata, rimesso a nuovo e aperto al pubblico nel 2009, che lungo il suo percorso, da Gansevoort Street nel Meatpacking District e fino alla 34th Street a Chelsea, regala scorci suggestivi sull’Hudson River. In pratica, è come se fosse un parco sospeso a circa 11 metri d’altezza, bellissimo!

 

Vicino alla High Line si trova anche un’altra attrazione che mi è rimasta impressa: il Chelsea Market, un vero e proprio paradiso gastronomico. Si trova a Chelsea sulla 9th Avenue, ed è un edificio dagli interni molto caratteristici in stile “archeologico industriale”, dove fermarsi per un succulento pranzo o una cena a base di sushi, pesce fresco e tanto, tantissimo astice!

 

Le due vere chicche inaspettate sono state un angolino nascosto nel West Village che conoscono solo gli abitanti della zona, tranquillo e silenzioso, dove fermarsi un attimo a godersi un po’ di sano riposo, cioè il parchetto della Chiesa di St. Luke in the Fields su Hudson Street; e poi Washington Mews, un piccolo vicolo che si trova accanto a Washington Place. Un tempo la stradina era fiancheggiata da stalle per i cavalli di proprietà dei ricchi abitanti delle case della zona. Oggi i cavalli non ci sono più, ma il vicolo rimane veramente molto caratteristico.

Infine, il culmine del nostro viaggio è stata la romantica gita notturna in carrozza per Central Park, con la copertina sulle ginocchia, sotto le stelle di New York e il sapore della neve che cominciava a cadere, come un candido dono di Natale solo per noi due.

 

La meraviglia di Central Park sotto il manto bianco con i grattacieli sullo sfondo.

 

A raccontarlo così, il viaggio mio e di Stefano a New York, sembra sia stato tutto facile e scontato. Peccato che ci fosse almeno un grande ostacolo al raggiungimento di quel grande obiettivo: le mie gambe.

 

box prodotto stasiven

Arianna è riuscita a coronare il suo sogno di trascorrere il Natale a New York, impegnandosi nella cura di sé. E ha capito quanto poter contare su gambe sicure, forti e sane sia un obiettivo da perseguire, a qualunque età.

Anche tu #ContaSulleTueGambe. E per amarle e proteggerle dal gonfiore, dalla stanchezza e dalle difficoltà di tutti i giorni, affidati a Stasiven Compresse e Stasiven Top. Stasiven Compresse e Stasiven Top aiutano il benessere delle tue gambe agendo da dentro e da fuori.

Chiedi in farmacia Scarica l’ebook

 

Già, le mie gambe

I newyorkesi sono famosi per essere grandi camminatori. Certo, c’è l’efficientissima metro, a saperli prendere al volo ci sono i taxi disponibili giorno e notte, ci sono anche le macchine a noleggio, ma la verità è che devi scarpinare – lo abbiamo provato sulla nostra pelle – e dunque devi mettere due cose in conto e in valigia: scarpe comode e gambe in forma.

 

E le mie gambe, in forma, da qualche tempo non lo erano proprio per niente.

 

Io, che da sempre soffro di insufficienza venosa e che in quel periodo facevo fatica persino fare una passeggiatina a corto raggio… come avrei potuto affrontare il rischio di stasi venosa durante il lungo viaggio aereo, o godermi davvero New York una volta arrivata? Avevo però un bel po’ di mesi per prepararmi visto che il viaggio era stato programmato con cura e in largo anticipo.

 

Il mio programma intensivo

Così mi sono messa di impegno per riuscire ad arrivare a New York su gambe nuove: più toniche, più forti, più sane! E ce l’ho fatta. Ecco come ci sono riuscita:

  • Assunzione di integratori con effetto flebotonico a base di bioflavonidi e vitamine, per rinforzare le vene in modo naturale e sgonfiare gambe e caviglie migliorando la circolazione;
  • Dieta per perdere 5 kg di troppo e alleggerire le gambe. Per tre mesi ho mangiato davvero sano. Ho anche resistito ai dolci per poter arrivare a New York e gustarmi qualche tipica golosità, come brownies, muffin e cupcakes, gingerbread cookies, coloratissimi marshmallows da sciogliere nella cioccolata calda…
  • Tanto moto. Camminate a passo veloce prima di andare al lavoro, stretching per stirare i legamenti arrugginiti, bicicletta al posto della macchina e… basta, altrimenti non sarei arrivata viva alla data della partenza;
  • Shopping mirato di scarpe con tallone rinforzato per migliorare la spinta plantare e collant a compressione graduata per aiutare il lavoro delle vene;
  • Gel rinfrescanti, defaticanti e anti gonfiore. Un toccasana! Ho iniziato a usarli prima della partenza e si sono rivelati miracolosi durante il viaggio. Applicati a fine giornata, su gambe e piedi doloranti, mi donavano un sollievo immediato e una sensazione di leggerezza che perdurava fino al mattino dopo, quando li riapplicavo prima di immergermi di nuovo nel fantasmagorico marasma newyorkese e vivere una nuova avventura.

 

Risultato? Le gambe mi hanno supportata alla grande

Le mie “nuove” gambe, più felici e in forma, mi hanno insegnato che non potevano, non dovevano essere loro a limitare la mia voglia di avventura e frustrare il mio desiderio di conoscere il mondo. Mi hanno insegnato che, curandole quando è tempo, proteggendo le vene, facendo attività fisica e mangiando in modo sano… sarò pronta a inseguire i miei sogni, ogni volta che lo vorrò!

 

Ed ecco la mia New York. Fai lo zoom per un maggior dettaglio della mappa, allarga per una visione d’insieme: scoprirai i miei luoghi del cuore e quanta strada sono riuscita a percorrere a piedi: oltre 30 km! 

 

Leggi le altre storie di #ContaSulleTueGambe

admin.infurin

This is a paragraph.It is justify aligned. It gets really mad when people associate it with Justin Timberlake. Typically, justified is pretty straight laced. It likes everything to be in its place and not all cattywampus like the rest of the aligns. I am not saying that makes it better than the rest of the aligns, but it does tend to put off more of an elitist attitude.